Logo Sephirot bucato_02.png

Alessandro Anglani, l' ideatore del progetto Sephirot, ci racconta nel dettaglio la sua proposta formativa:

La mia proposta formativa si basa sul metodo di creazione di performance interattive che ho sviluppato in questi anni: SEPHIROT - IL GIOCO©. Le sfaccettature del progetto sono svariate, si tratta infatti:

 

Di drammaturgia ipertestuale: le storie create tramite SEPHIROT - IL GIOCO© sono  testi che non sviluppano una storia in maniera lineare, ma permettono agli interpreti di "viaggiare" nel testo a seconda di alcune scelte fatte nel suo corso. 

 

Di un metodo di gamification applicato ad una drammaturgia: SEPHIROT - IL GIOCO© permette di “giocare” (nel senso di to play, jouer) storie ipertestuali la cui struttura può cambiare drasticamente in qualsiasi momento. Il gioco include diversi aspetti come recitazione, coreografie, competizione, narrazione, interazione e sfide tra i Giocatori.

 

Di uno spettacolo interattivo: SEPHIROT - IL GIOCO©, in pratica, applicato ad una drammaturgia ipertestuale, crea uno spettacolo interattivo in cui le azioni compiute dai performer e dal pubblico spostano la narrazione verso una zona o l’altra del testo.

 

Di un metodo formativo per performer: giocare (o nel termine più classico italiano, recitare) SEPHIROT - IL GIOCO© offre la possibilità di imparare un nuovo modo di stare in scena, necessariamente vitale e reattivo, aperto agli stimoli interni ed esterni.

 

Di un gioco di ruolo performativo: la creazione di un sistema di regole per gestire l’interazione con il pubblico e tra i performer, ha di fatto generato un gioco di ruolo, che ha la propensione a voler coinvogere e raccontare storie in maniera originale, mantenendo però intatti i principi fondamentali dello stare in scena. 

 

Cosa offre l'esperienza didattica di SEPHIROT - IL GIOCO© ?

Predominio dell’azione (parole chiave: obiettivo, azione, strategia)

- il performer ha un obiettivo e trova una strategia per raggiungerlo

- qui e ora, si occupa di quello che accade e non di quello che accadrà

- nessuna necessità di interpretare, compie solo azioni


 

Gestione dello spazio (parole chiave: plancia di gioco, spazio, sephirot)

- non esiste una separazione dello spazio riservato alla scena e agli spettatori

- la plancia di gioco (lo spazio scenico) è ben delineato

- il performer ha sempre un un motivo per spostarsi o compiere un’azione


 

Allenamento alla collaborazione (parole chiave: gioco, strategia, empatia, ascolto)

- il performer deve ascoltare con chi gioca e il pubblico 

- deve interessarsi anche degli obiettivi degli altri performer per continuare il proprio filone narrativo

- deve sviluppare sempre un’attenzione e un’empatia verso il pubblico, che può supportarlo

- diventa subito chiara la correlazione tra teatro e gioco 


 

Esercizio di immaginazione (parole chiave: imprevedibilità, immaginazione, personaggio, reattività, circostanze date)

- vi è imprevedibilità del gioco, elasticità del performer, reattività

- il percorso narrativo è diverso ogni volta, aperto a varie possibilità

- è presente un descrizione minima del personaggio e l’obiettivo: come mi lascio ispirare?

- come uso ciò che ho intorno risultando sempre credibile?


 

Come scritto finora, credo che SEPHIROT - IL GIOCO© sia una grande possibilità per gli allievi performer di affinare un modo atipico di stare in scena e di immaginare un testo teatrale, di sviluppare una nuova concezione di rapporto con il pubblico.

 

Per me la possibilità di sperimentare in presa diretta il mio metodo con semi-professionisti o professionisti è una grande occasione di portare avanti la mia ricerca che potrebbe diventare un’attività unica in Europa nel campo delle performing arts, e sicuramente unica nel mondo nell’ambito della formazione.

Per saperne di più visita la pagina Youtube Sephirot il gioco e il sito ufficiale!

 

FotoSephirot_MariaAnnaLacerenza1.jpg
FotoSoldatinodiStagno_SaraSoldini3.JPG

FORMAZIONE SEPHIROT